Lvmh al top. In Italia corrono Moncler e Cucinelli. Borsa,guadagnare col lusso

Portafoglio: dalle semestrali del lusso emergono vincitori Lvmh e Kering, bene anche Moncler, Brunello Cucinelli e Aeffe

Lvmh al top. In Italia corrono Moncler e Cucinelli. Borsa,guadagnare col lusso


di Luca Spoldi

Il primo semestre dell’anno ha mostrato un andamento contrastato per i maggiori gruppi italiani e mondiali del comparto moda-lusso: se alcuni gruppi come MonclerBrunello Cucinelli, piuttosto che Aeffe, hanno visto accendersi la luce verde con ricavi, margini e utili in crescita, al pari di Lvmh e Kering, altri come Stefanel, ma in parte anche Basicnet, Safilo, Tod’s ed Hermes soffrono ancora. Mentre per un’analisi definitiva si dovranno attendere i risultati, tra l’altro di gruppi come gli italiani Prada e Piquadro, della svizzera Richemont e dell’inglese Burberry, è già ora possibile dire che ad eccezione di Luxottica, impegnata nell’integrazione con Essilor e con risultati di poco migliori di quelli di un anno prima (4,92 miliardi di ricavi, 899 milioni di Ebitda rettificato, 567 milioni di utile e un indebitamento netto di 1,11 miliardi), per quasi tutti gli altri gruppi del settore questi primi sei mesi hanno movimentato i conti in misura signicativa. Merito della maggiore o minore esposizione su mercati in ripresa, come quello cinese e in parte quelli americano ed europeo occidentale, piuttosto che della bontà del mix di vendita. Elemento essenziale in un settore come questo dove il successo o l’insuccesso anche di una singola collezione può fare la differenza, al pari della conferma o cessazione di accordi di licenza e partnership commerciali.

arnault pinault

Ma chi è stato, dunque, il vincitore di questa prima parte dell’anno? Dipende da cosa si prende come metro di misura: se guadiamo ai ricavi Lvmh coi suoi 19,714 miliardi di euro, in crescita su base organica di un ulteriore 12% annuo, resta il leader indiscusso, ma Kering (7,296 miliardi, +26,5%) si sta facendo sotto. Più distaccate restano Luxottica e Tiffany (1,859 miliardi di dollari, sostanzialmente stabili) ed Hermes (1,286 miliardi di euro a loro volta poco variati).

A livello di redditività, dunque di Ebitda (margine operativo lordo), il gap tra i due colossi francesi e “il resto della classe” è ancora più marcato: Lvmh ha registrato 3,64 miliardi di Ebitda, Kering 1,526 miliardi, mentre Tiffany (poco meno di 327 milioni di dollari) ed Hermes (214,1 milioni di euro) faticano a tenere il passo, visto che registrano incrementi attorno al 6% ciascuno, contro il +23% e +51% segnato dai primi due gruppi del lusso al mondo.

remo ruffini

Tuttavia anche i gruppi italiani Moncler, Brunello Cucinelli, Geox e Aeffe riescono a mettere a segno rialzi a doppia cifra percentuale dell’Ebitda, vedendolo salire rispettivamente a livello assoluto a 73,3, a 41,6, a 41,2 e a 15,5 milioni di euro. La fotografia non si modifica guardando all’utile netto: Lvmh sale a 2.110 milioni di euro (+24%), Kering arriva a 872,3 milioni (+67,4%), aprendo un baratro rispetto ai concorrenti (con l’esclusione anche in questo caso di Luxottica) che non solo seguono a grande distanza ma non riescono neppure a tenere il passo con Tiffany che vede salire il risultato a 207,9 milioni di utile (+7,6%) mentre Hermes lo vede calare a 163,8 milioni di euro (-3,7%).

E gli italiani? Moncler (41,8 milioni) e Aeffe (4,6 milioni) si tolgono la soddisfazione di incrementare il risultato netto rispettivamente del 25% e del 21,4%, mentre Brunello Cucinelli sfiorando i 20 milioni segna un +10,6%.Accanto ai vincitori il semestre ha anche registrato qualche sconfitto: Safilo, ad esempio, vede arretrare sia i ricavi (552,6 milioni, -15,1%), sia l’Ebitda (27,8 milioni, -6,6%) e passa dai 22,5 milioni di utile della prima metà del 2016 a 6,6 milioni di perdita netta. Sorte analoga per Tod’s, con 483 milioni di vendite (-2,9%), 75,7 milioni di Ebitda (-12,3%) e 34,7 milioni di utile (-7,3%).